menu

3Dnatives Lab: test e recensione della Form 3L di Formlabs

Pubblicato il 17 Gennaio 2022 da Nunzia A.
FORM 3L

Nel 2019 Formlabs ha introdotto con la Form 3 la terza generazione della sua nota stampante 3D SLA desktop. Da allora, il produttore americano ha presentato diverse varianti della Form 3: Form 3L, Form 3B, Form 3BL e più recentemente la Form 3+ e la Form 3B+. Per la Form 3, Formlabs ha sviluppato una tecnologia proprietaria chiamata LFS (Low Force Stereolithography). L’obiettivo di questa nuova tecnologia è di offrire un livello di precisione più elevato, una finitura più liscia, la rimozione semplificata dei supporti di stampa e una migliore riproducibilità.

Abbiamo testato la stampante nel Laboratorio di 3Dnatives o 3Dnatives Lab. La Form 3L è una stampante 3D desktop a resina che offre uno dei più grandi volumi di stampa sul mercato, disponibile a 9.999 € se acquistata sola o a 14.999 € se acquistata in un pacchetto che include le due macchine di post-processing Wash L e Cure L. Qui di seguito la recensione completa di Form 3L!

Unboxing della Form 3L di Formlabs

Tra le prime cose che saltano all’occhio quando si ha tra le mani la stampante è che la Form 3L è una stampante desktop imponente: dimensioni di 775 mm (larghezza) x 520 mm (profondità) x 740 mm (altezza) e peso totale di 54.4kg.

Da un punto di vista estetico, segue lo stile del marchio con i bordi arrotondati, il telaio in alluminio antracite e la copertura in policarbonato arancione traslucido, il tutto associato a un touch screen da 5,5 pollici.

Form 3L dispone di uno sportello che si apre verso l’alto garantendo un facile accesso al piano di stampa, mentre la camera della macchina è illuminata da LED. Sul lato della stampante ci sono i due slot per la resina di proprietà di Formlabs.

Form 3L di Formlabs

La Form 3L è pratica da usare con un grande sportello che si apre verso l’alto (crediti foto: 3Dnatives)

Tra i componenti e gli accessori forniti con la Form 3L ci sono il piatto di stampa e il serbatoio resina (VAT), ma anche un kit per la post-elaborazione dei pezzi (vassoio di finitura, tanica di risciacquo, bottiglia per spruzzare l’IPA, forbici, pinzette, guanti monouso) così come gli strumenti per la manutenzione della macchina e per rimuovere le stampe finite (raschietto per la pellicola flessibile, morsetto metallico per tenere il piatto in posizione su un piano di lavoro, spatola).

È interessante notare che sia la Form 3 che la Form 3L utilizzano lo stesso processo LFS che si basa sull’uso di una pellicola flessibile e di una LPU (Light Processing Unit) dotata di un laser UV-A. A differenza della Form 3, la Form 3L utilizza due LPU che lavorano simultaneamente (in modo indipendente lungo l’asse Y, ma collegate sull’asse X) permettendo una stampa più veloce e una maggiore copertura della superficie.

Passando alle specifiche, la Form 3L ha un volume di stampa molto ampio di 335x200x300 mm che la rende una delle più grandi stampanti 3D SLA desktop attuali. In termini di qualità di stampa, la Form 3L presenta due laser UV-A di classe 1 da 250mW (con una lunghezza d’onda di 405nm e un diametro di 85 micron) con una risoluzione X/Y di 25 micron e uno spessore dello strato compreso tra 25 e 300 micron.

Form 3L di Formlabs

La Form 3L ha un grande volume di stampa e un touch screen da 5,5″ con un display interattivo e intuitivo (crediti foto: 3Dnatives)

Configurazione della stampante 3D Form 3L

Poiché la macchina viene fornita completamente assemblata, iniziare ad usarla è relativamente semplice. Una volta eliminato l’imballaggio, ci sono alcune semplici operazioni da eseguire: posizionare l’antenna Wi-Fi, collegare la stampante alla corrente, avviare la connessione a internet tramite il display touch screen, mettere a livello la stampante (utilizzando una livella virtuale sullo schermo e un disco per regolare l’altezza di ogni piede), posizionare il piatto di stampa.

Per quanto riguarda il materiale, bisogna soltanto inserire il serbatoio per la resina e il miscelatore, forniti con la Form 3L, riempirlo manualmente (per risparmiare tempo durante la fase “Prime” – vedi sotto), quindi inserire due cartucce di resina sul lato della macchina. Grazie a un sensore di livello a ultrasuoni, la macchina è in grado di erogare automaticamente la resina senza interruzioni. Va notato, tuttavia, che le due cartucce installate devono contenere lo stesso materiale e non sono fornite di serie.

La Form 3L ha dei sensori che assicurano che il piatto sia installato correttamente e che la resina e il serbatoio siano inseriti nel modo giusto. In particolare, è in grado di associare un serbatoio a un materiale per evitare una possibile contaminazione. Tuttavia, questo significa che il serbatoio dovrà essere cambiato ogni volta che si cambia la resina, e si dovrà usare un serbatoio dedicato per ogni materiale.

Form 3L di Formlabs

La Form 3L ha due slot per le cartucce di resina (crediti foto: 3Dnatives)

Una volta completati questi pochi passi, si raccomanda di usare la funzione “Prime” della stampante 3D per prepararla alla sua prima stampa. Servirà a mescolare la resina e ad assicurare che ci sia abbastanza materiale nel serbatoio.

Infine, è necessario collegare la Form 3L a un account Formlabs tramite il Dashboard, di cui parleremo nel dettaglio tra poco. È anche possibile collegare la macchina a Internet tramite la porta RJ45 sul retro della stampante. Una volta completato l’avvio iniziale, tutto ciò che rimane è scaricare PreForm, lo slicer Formlabs, per iniziare la prima stampa.

Software PreForm e Formlabs Dashboard

Formlabs ha sviluppato il proprio software proprietario sia per il suo sistema operativo che per il suo slicer. Per lo slicer, Formlabs usa PreForm dal rilascio della Form 1 nel 2012. Da allora, Formlabs ha continuamente migliorato il suo slicer per offrire nuove funzionalità e un’esperienza utente sempre più intuitiva.

Oltre alle caratteristiche di base come la scalatura, l’orientamento delle parti, la scelta della stampante, il materiale e le impostazioni di stampa, PreForm offre caratteristiche intelligenti come la “stampa 3D con un solo clic”.

Come suggerisce il nome, questa funzione permette di preparare un modello con un solo clic. Basta importare il vostro modello 3D, scegliere la stampante e la resina con cui volete stampare e poi usare questa funzione per orientare la parte e posizionare i supporti per garantire un risultato ottimale.

PreForm è lo slicer sviluppato e utilizzato da Formlabs per tutte le sue stampanti. Offre funzioni avanzate come la “stampa con un clic” (crediti foto: 3Dnatives)

In particolare, questa funzione permette all’utente di evitare di calibrare alcune impostazioni. Una volta che la calibrazione automatica è completata, gli utenti più esperti possono comunque personalizzare tutte le impostazioni. Durante il test, abbiamo apprezzato il printability indicator che analizza il modello e le impostazioni utilizzate e stima le possibilità di successo della stampa.

Tra i pochi punti negativi che abbiamo incontrato, c’è da notare che, nonostante tutte le caratteristiche avanzate di PreForm, al momento del nostro test il software non supporta i file 3MF.

Inoltre, come menzionato nella sezione di unboxing, la Form 3L si basa su due LPU per coprire un’ampia area. I fasci laser di ciascuno di questi sistemi ottici si sovrappongono poi al centro dell’area di stampa. Tuttavia, possono creare una linea visibile indesiderata sul pezzo. Per evitare questo problema, PreForm mostra questa linea tratteggiata sul piano di stampa virtuale.

Il dashboard ti permette di controllare rapidamente lo stato delle tue stampanti e la loro cronologia di stampa (crediti foto: 3Dnatives)

Grazie a Dashboard, il software di gestione della stampa basato sul cloud, siamo stati in grado di avviare facilmente la stampa da remoto tramite l’applicazione web o direttamente tramite PreForm. È anche possibile consultare la cronologia di stampa e trovare le impostazioni utilizzate.

Prime stampe 3D con la Form 3L e post-elaborazione con Wash L e Cure L

Per iniziare la parte pratica del nostro test, abbiamo usato la resina grigia, che avevamo installato quando abbiamo avviato la stampante, e abbiamo iniziato a stampare un modello della torre di Pisa con i modelli di default offerti da PreForm. Con un’altezza dello strato di 100 micron, la stampa ha richiesto circa 16 ore. Il pezzo è stato poi rimosso dalla stampante, pulito, sganciato dal piano e messo nella Cure L. Il risultato finale è molto accurato.

Per il nostro test, abbiamo usato la Wash L e la Cure L per post-elaborare tutte le nostre stampe. A differenza della tecnologia FDM, la stampa 3D a resina richiede alcune fasi aggiuntive di post-elaborazione. Quando un modello viene stampato, viene immerso nella resina liquida. La resina in eccesso che non si è solidificata durante la stampa deve essere pulita per evitare che si indurisca sulla superficie del modello.

Il metodo più comune è quello di pulire il modello in un bagno di alcool isopropilico. Per semplificare questo processo, Formlabs ha sviluppato la Wash L che presenta un serbatoio appositamente adattato alle dimensioni del piatto di stampa della Form 3L.

Form 3L Formlabs

La Wash L facilita la pulizia dei pezzi sia piccoli che grandi prodotti dalla Form 3L (crediti foto: 3Dnatives)

Inoltre, durante il processo di stampa, i raggi UV della stampante polimerizzano la resina liquida per renderla solida. Tuttavia, alla fine del processo di stampa, la polimerizzazione non è completamente finita. Si raccomanda quindi di finalizzare questo processo utilizzando una fonte UV.

Si possono usare varie fonti, come il sole, che è la fonte più abbondante sulla Terra, ma per assicurare una polimerizzazione ottimale e uniforme, Formlabs ha sviluppato una macchina di post-polimerizzazione, la Cure L. Si tratta di un “forno UV” specificamente progettato per adattarsi al volume di stampa della Form 3L.

Form 3L

La Cure L assicura una post-polimerizzazione uniforme e ottimale per un volume adattato a quello della Form 3L (crediti foto: 3Dnatives)

Dopo la nostra stampa della torre di Pisa, abbiamo fatto diverse altre stampe con alcune delle resine Formlabs. La Form 3L è compatibile con 17 tipi di resine con proprietà e aspetti diversi.

In particolare, abbiamo sperimentato la resina dentale “modello V3” con la quale abbiamo stampato un modello di drago con molti dettagli che richiedono una buona precisione. Con uno spessore dello strato di 50 micron, le stampe sono riuscite con successo.

Abbiamo anche provato la resina “Tough 1500” che dà una maggiore resistenza alla parte stampata; la “castable wax” che permette di realizzare parti in metallo tramite un processo di fusione a cera persa; la “Clear V4” che dà un effetto traslucido.

Stampando con la resina “Draft”, abbiamo impiegato la metà del tempo rispetto alla stessa stampa con la resina “Grey”. Nonostante questo significativo risparmio di tempo, non abbiamo notato alcuna differenza nella qualità di stampa.

Durante il nostro test siamo stati in grado di stampare parti di diverse dimensioni con la Form 3L (crediti foto: 3Dnatives)

Gli strati sono invisibili a occhio nudo su questo pezzo traslucido (crediti foto: 3Dnatives)

Il piatto di stampa ampio può essere utile quando si producono insieme parti più piccole (crediti foto: 3Dnatives)

Tutti i dettagli della torre di Pisa sono stati riprodotti fedelmente nella stampa (crediti foto: 3Dnatives)

Grazie alla resina Tough, i nostri moschettoni sono molto resistenti (crediti foto: 3Dnatives)

Nonostante uno spostamento degli strati all’inizio del processo di stampa, tutti i dettagli di questo drago sono stampati correttamente (crediti foto: 3Dnatives)

Form 3L

La Form 3L può anche stampare parti molto piccole (crediti foto: 3Dnatives)

Conclusione

  • Caratteristiche della stampante 8.5/10
  • Software 10/10
  • Qualità di stampa 10/10
  • Facilità di utilizzo 9.5/10
9.5 / 10

Lati positivi :

– Volume di stampa

– Ampia scelta di resine

– Macchina intelligente e connessa

Lati negativi :

– Listino prezzi

– Sistema proprietario

– Linea di confine dei due LPU

In conclusione, uno dei vantaggi chiave della Form 3L è ovviamente il suo grande volume di stampa e l’uso simultaneo di due sistemi ottici (o LPU), che permette di stampare pezzi di grandi dimensioni fino al doppio della velocità della Form 3. L’uso di due sistemi ottici indipendenti ricorda i sistemi a doppio estrusore indipendente che si trovano su alcune stampanti FDM.

Le numerose stampe fatte durante il nostro test confermano la facilità d’uso e la ripetibilità offerta dalla Form 3L. Apprezziamo anche il lavoro che il produttore ha fatto con la Wash L e la Cure L, entrambi le soluzioni di post-elaborazione sono davvero progettate per la Form 3L, offrendo un’esperienza complessiva fluida durante tutto il processo di produzione. Unito a un software intelligente e intuitivo che viene regolarmente aggiornato, questo ecosistema è davvero performante.

La Form 3L soddisferà le esigenze degli utenti che cercano una stampante 3D a resina con un ampio piatto di stampa, valida sia per principianti che esperti. Una grande innovazione che ha però un prezzo: il costo di 9.999 € per la sola stampante 3D Form 3L, 2.799 € per ogni macchina di post-elaborazione e 14.999 € per un pacchetto che include la stampante 3D e le macchine di post-elaborazione Cure L e Wash L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks