menu

Le TOP 10 stampanti 3D per alimenti

Pubblicato il 16 Dicembre 2021 da Nunzia A.
stampanti 3D alimenti

I materiali di stampa 3D sono sempre più vari, ma quando si parla di produzione additiva pensiamo spesso a plastiche o metalli. Oggi invece ti presentiamo qualcosa di diverso: delle stampanti 3D per alimenti. Ebbene sì, alcune stampanti 3D permettono la creazione di dolci, pasticcini, cioccolatini, pizze e piatti di ogni tipo. Perché usare una stampante 3D in cucina? Offre più libertà e creatività e in alcuni casi può anche ridurre lo spreco alimentare. Trovi qui la nostra classifica delle TOP 10 stampanti 3D per alimenti!

Foodini, la stampante 3D per alimenti di maggior successo

Foodini è probabilmente una delle stampanti alimentari 3D più popolari oggi. Si tratta di un apparecchio da cucina sviluppato dall’azienda Natural Machines, che permette di personalizzare e stampare in 3D il cibo. L’azienda sostiene che questa soluzione permette di avere un cibo più sano, una migliore efficienza in cucina e una riduzione degli sprechi alimentari. Il vantaggio competitivo è che gli utenti possono creare tutti i tipi di piatti usando ingredienti naturali e freschi. In termini di esperienza utente, Foodini si distingue per la sua facilità di configurazione e le caratteristiche di interazione. Dal caricamento delle cartucce in acciaio inossidabile all’ampio touch screen, Foodini guida l’utente in ogni fase del processo. Quale modo migliore per iniziare con la stampa 3D per alimenti?

stampanti 3D per alimenti

Crediti foto: Natural Machines

Brill 3D Culinary Studio

Brill Inc. e 3D Systems hanno lavorato insieme per sviluppare un nuovo sistema innovativo di produzione additiva che mira a rivoluzionare l’arte culinaria. Frutto di una collaborazione pluriennale, questa tecnologia professionale di stampa 3D a colori offre agli appassionati di cucina e pasticceria un’opportunità unica per creare piatti originali e personalizzati. Per quanto riguarda il processo di stampa 3D, gli utenti devono prima separare gli ingredienti umidi e secchi, in modo che la macchina possa mescolarli con precisione automatizzata, e poi creare i modelli strato per strato. Il sistema comprende il software di 3D Systems, la stampante 3D Brill e le polveri e i leganti che permettono di creare una vasta gamma di creazioni originali.

Crediti foto: Brill Inc.

mycusini® 2.0

Questa stampante 3D per cioccolato ruba decisamente la scena agli altri elettrodomestici da cucina! L’ultima versione della macchina, la mycusini® 2.0, è stata arricchita di caratteristiche interessanti: la prima cosa che spicca è il suo design senza tempo. Ma questa stampante 3D per alimenti non è solo accattivante: la mycusini® 2.0 ha una libreria integrata di più di 1.000 proggetti che possono essere visualizzati sul touch screen a colori da 3,5″, compresa l’anteprima del pezzo da stampare. Coloro che desiderano creare i propri alimenti in 3D possono accedere gratuitamente al club mycusini. I pezzi possono essere stampati con le ricariche Choco fornite, in dimensioni fino a 90 x 90mm. La piattaforma rimovibile rende facile la pulizia del dispositivo. Il dispositivo è disponibile per 758,70 euro sul sito del produttore.

stampanti 3D per alimenti

Crediti foto:  mycusini

Choc Creator V2.0 Plus

Dopo il successo dei dispositivi Choc Creator V1 e V2 (che non sono più sul mercato), la Choc Creator V2.0 Plus è la versione ottimizzata della stampante 3D per cioccolato Choc Edge. La macchina dispone di un’area di stampa più grande di 180mm x 180mm x 40mm e permette creazioni di cioccolato con linee sottili da 0,8mm di larghezza. Si possono usare i soliti file STL, che vengono trasmessi direttamente alla stampante 3D alimentare tramite una chiavetta USB. Due cartucce di metallo da 0,8 mm sono incluse nella fornitura e la macchina ha preinstallati i codici G 2D e 3D pronti per la stampa, rendendo la Choc Creator V2.0 Plus immediatamente operativa. Può essere acquistata per circa 3.350 €.

Crediti foto: Choc Edge

Procusini 5.0

La stampante 3D per alimenti Procusini 5.0 è stata sviluppata dalla società tedesca Print2Taste e si basa su un processo di estrusione. Ha un piatto di stampa di 25 x 15 cm e pesa solo 9 chili, il che la rende facile da trasportare e integrare in cucina. Ora è considerata una macchina per i professionisti della ristorazione. Offre la calibrazione automatica e la connettività tramite una scheda SD. È una stampante con cartucce che possono essere riscaldate fino a 60 gradi, sono facili da pulire e semplici da cambiare. L’utente di Procusini 5.0 potrà accedere al Procusini Club dove potrà scaricare più di 1.000 disegni, loghi, messaggi ecc. e ricevere consigli e suggerimenti.

stampa 3d cibo

Crediti foto: Print2Taste

Stampante 3D per cibo Mmuse

Il produttore cinese Mmuse ha creato l’omonima macchina, specializzata nell’estrusione del cioccolato. È una stampante 3D alimentare con un volume di stampa di 160 x 130 x 150 mm, un ugello di 0,8 mm di diametro e una velocità di stampa di 30-60 mm/s. La stampante Mmuse utilizza semi di cacao e li fonde in un ambiente a temperatura controllata. Incorpora anche un touch screen per facilitare le operazioni dell’utente e monitorare le stampe in tempo reale. Oggi, questa stampante 3D per alimenti è disponibile a partire da 5.700 dollari.

Il sistema di stampa 3D di SMRC per lo spazio

Quando la gente pensa al cibo stampato in 3D, il più delle volte pensa a progetti per le persone sulla Terra. Ma non è sempre questo il caso. Il sistema di stampa 3D di SMRC è stato sviluppato per produrre cibo per le missioni spaziali di lunga durata in collaborazione con la NASA. L’azienda mira a creare alimenti stampati in 3D che abbiano sapori piacevoli e al contempo proprietà nutrizionali che favoriscano la conservazione a lungo termine. Questa stampante 3D alimentare utilizza cibo in polvere e l’azienda ha già stampato con successo una pizza al formaggio. L’obiettivo è fornire agli astronauti una dieta sana.

nūfood di Dovetailed

Nata da un hackathon, Nūfood è la prima stampante 3D per alimenti liquidi al mondo, ed è stata creata da Dovetailed. L’azienda non ha rivelato esattamente come funziona la tecnologia di stampa 3D, ma il risultato è la creazione di “bolle di sapore”, simili a gelatina, in un’ampia varietà di forme, sapori e colori. La stampante è un vero e proprio robot da cucina che permette all’utente di liberare la propria creatività culinaria. Dovetailed ha progettato anche un’app, disponibile su iOS e Android, che permette di creare la forma geometrica e la combinazione di sapori del cibo che si vuole stampare. Gli ingredienti sono di alta qualità e vegani, sia salati che dolci.

nufood

Crediti: Dovetailed

 

La 3D Chocolate Shaper di byFlow

L’azienda di Food Tech byFlow è specializzata nella stampa alimentare 3D del cioccolato. Questo ingrediente è uno dei più difficili da stampare in quanto deve seguire un preciso processo. La 3D Chocolate Shaper possiede una tecnologia brevettata che permette la stampa 3D personalizzata del cioccolato. ByFlow mette a disposizione dell’utente l’Online Chocolate Design Studio, dove è possibile creare i propri progetti di cioccolato in pochi minuti. È possibile utilizzare qualsiasi tipo di cioccolato con un sistema di controllo della temperatura completamente automatico. Va detto che la stampante può utilizzare anche altri tipi di alimenti dolci e salati. ByFlow è stato uno dei primi ad aprire un ristorante con una stampante 3D per alimenti.

Crediti foto: byFlow

Stampante 3D per alimenti WiibooxSweetin

La stampante 3D per alimenti WiibooxSweetin è una stampante che unisce precisione, qualità e creatività ed è pensata per un uso professionale. Ciononostante, la macchina è facile da usare: basta scaricare i file del modello 3D nella macchina e iniziare a stampare. I materiali di stampa? Ce n’è (davvero) per tutti i gusti: cioccolato, formaggio, purea di patate, fagioli, caramello, miele, marmellata, biscotti. La stampante comprende un dispositivo di controllo della temperatura in tempo reale che garantisce la perfetta tenuta degli alimenti. La tecnologia usata è la modellazione a deposizione fusa (FDM), presenta diversi tipi di ugelli in dotazione ed è compatibile con file .stl .obj . amr.

stampante 3d alimenti

Crediti foto: Nanjing Wiiking 3D Technology

Quale stampante 3D per alimenti preferisci? Condividi la tua opinione nei commenti dell’articolo o sulle nostre pagine Facebook e Twitter! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter settimanale gratuita per ricevere tutte le ultime notizie sulla stampa 3D direttamente nella tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks