menu

Le TOP stampanti 3D pellet sul mercato

Pubblicato il 25 Febbraio 2022 da Nunzia A.

Quando si parla di processi di stampa a estrusione, quello che viene in mente più spesso è la tecnologia FDM a filamenti. Ma i filamenti non sono l’unico materiale utilizzabile. Sempre più spesso stanno arrivando sul mercato stampanti 3D alimentate con pellet. I pellet o granuli sono spesso utilizzati per lo stampaggio a iniezione e ora stanno diventando più popolari nella stampa 3D grazie al fatto che aiutano a risparmiare sui costi e offrono anche una gamma più ampia di materiali rispetto ai filamenti. Nella nostra lista presentiamo le stampanti 3D a pellet, o ibride, attualmente disponibili, per avere un’idea completa sul mercato della stampa 3D con pellet.

Delta WASP 3MT Industrial 4.0

La Delta WASP 3MT Industrial 4.0 è una stampante 3d industriale di grandi dimensioni del produttore italiano WASP. Presenta un’area di stampa chiusa e un volume di stampa di 1000 mm x 1000 mm.
La macchina è progettata per stampare pellet e materiali plastici riciclati in granuli: l’estrusore HDP stampa direttamente i granuli riducendo costi e tempi. Inoltre, la stampante 3D presenta un serbatoio pellet ad auto alimentazione e un sensore di fine pellet per garantire la continuità di stampa ed evitare sprechi. Il sistema brevettato Firecap genera una camera calda localizzata fino a 250° direttamente sulla zona di stampa e il sistema VAC (Vacuum Active Control), piatto di stampa sottovuoto, consente di sostituire in pochi secondi il piatto garantendo la totale assenza di micromovimenti in fase di stampa anche ad elevate temperature.

Delta WASP 3MT INDUSTRIAL 4.0 stampante pellet

Crediti foto: WASP

Tradesman series P3-44 di Juggerbot 3D

La Tradesman series P3-44 di Juggerbot 3D è una stampante 3D di grandi dimensioni dotata di tecnologia a estrusione di pellet (Fused Granular Fabrication), con un volume di stampa di 915 mm x 1,220 mm x 1,220 mm e una velocità di stampa di 1 m al secondo. L’azienda americana Juggerbot 3D ha collaborato con Rockwell Automation per rendere la macchina più performante possibile e ridurre il margine di errore.
La P3-44 può lavorare con un’ampia gamma di pellet termoplastici: sfusi, flessibili, ad alte prestazioni, high-temperature e high-fill. Gli estrusori sono interscambiabili ed è possibile scegliere quello più adatto alle proprie esigenze: il modello 14L indicato per ottimizzare la produttività e il modello 14S per una stampa più precisa. I software di slicing e monitoraggio integrati e l’automazione semplificano decisamente il processo di stampa.

stampante 3D pellet

Software di slicing – P3-44 di Juggerbot 3D (Crediti foto: Juggerbot 3D)

Serie XS di Colossus (e Weber)

Una partnership strategica con WEBER Additive ha portato alla nuova serie XS di Colossus. Grazie all’esperienza di entrambe le aziende, è stato possibile progettare una stampante FGF ad alte prestazioni con un volume di costruzione standard di 1600 x 1200 x 1300. Il dispositivo funziona con la tecnologia di estrusione WEBER e raggiunge una velocità fino a 200 mm/s. Secondo i produttori, la stampante 3D è adatta alla produzione di piccole e medie serie. La serie XS è fornita di serie con un sistema di asciugatura da 60 L inc. Nastro trasportatore, un piano riscaldato sotto vuoto fino a 115 gradi e un software slicer. Tuttavia, Colossus sottolinea che la stampante FGF può essere personalizzata per soddisfare le esigenze individuali del cliente.

stampante 3d pellet

Crediti foto: Colossus

Freeformer 200-3X di Arburg

Con la tecnologia AKF (Plastic Freeforming) brevettata da ARBURG, è stato sviluppato un sistema aperto che consente agli utenti di programmare liberamente i parametri di taglio e di processo e di adattarli alle esigenze individuali. I modelli Freeformer fondono i pellet e permettono di creare il componente strato per strato grazie alla generazione di minuscole gocce di plastica. Il freeformer modello 200-3X ha tre assi e un volume di costruzione di 200 cm². La macchina funziona con qualsiasi pellet standard (qualificato),  ad esempio, PC approvati per l’aviazione o TPE medici con approvazione FDA. Per le applicazioni industriali, l’azienda offre Freeformer 300-3X con un volume di stampa maggiore.

stampante 3d pellet

Crediti foto: Arburg

Testine di stampa E 25 e E50 di CEAD

La E25 e la E50 sono entrambe testine di stampa del produttore CEAD. L’E50, l’ultimo modello, è una versione aggiornata della E25. In precedenza era possibile estrudere soltanto 12 kg di pellet di plastica all’ora; con i nuovi sviluppi è possibile estruderne 84 kg all’ora. Le testine di stampa sono utilizzate sia su bracci robotici che su macchine CNC. Tra i clienti di CEAD ci sono l’ETH di Zurigo, l’Università di Stoccarda e l’Università di Tampere, che hanno già utilizzato l’estrusore E25. Con la nuova E50, il processo di stampa è enormemente accelerato, la temperatura di stampa può arrivare fino a 400 °C. La E50 è dotata di un alimentatore di pellet termoplastici e di un sistema di controllo basato su PLC della Siemens. La testina di stampa è azionata da un motore da 15 kW.

Crediti foto: CEAD

Stampanti 3D pellet BIGFoot Pro di TheTUMAKER

Tumaker è un marchio appartenente al gruppo spagnolo IT3D, specializzato nello sviluppo e nella distribuzione internazionale di attrezzature per la fabbricazione additiva. La sua gamma di stampanti 3D BIGFoot Pro ha 3 macchine con diverse dimensioni, e sono in grado di lavorare con materiali in pellet. In particolare, le 3 soluzioni comprendono le stampanti 3D 200, 350 e 500, e si differenziano rispettivamente per il loro volume di produzione. Queste soluzioni si adattano alle esigenze di ogni utente, essendo in grado di lavorare con una vasta gamma di materiali in pellet, tra cui PLA, ABS, PETG, Polipropilene, Ultem, Peek e molti altri. Questo è dovuto anche alla sua testa del sensore a doppia temperatura progettata in-house, che è in grado di raggiungere una temperatura di 350 gradi. I pellet BIGFoot Pro sono specificamente progettati per l’uso professionale, rendendoli una macchina unica sul mercato.

BIGFootPro_Tumaker

Crediti foto: TheTUMAKER

La stampante 3D pellet Super Discovery

Sviluppata da Discovery 3D Printers, una divisione del gruppo spagnolo CNC Barcenas, la Super Discovery è una stampante 3D industriale che lavora con pellet. Con un volume di stampa standard di 1,3 x 2,5 x 1 metro, questa macchina ha la possibilità di personalizzare l’area di lavoro e ridisegnarla su misura. Tra le altre cose, integra servomotori Panasonic, livellamento automatico del letto e un involucro chiuso per compensare le irregolarità durante il processo di produzione. Dal punto di vista più tecnico, questa stampante 3D funziona con una vasta gamma di materiali (ABS, PC, PPE, CF, ASA, ecc.); utilizza anche il software Simplify3D e ha connettività Ethernet. Oltre alla Super Discovery standard, l’azienda ha sviluppato altre due soluzioni basate su di essa, la Super Discovery 3D Printer Compact e la Super Discovery 3D Printer Hybrid.

Crediti foto: Discovery 3D Printers

Pollen AM serie P

Pollen AM è probabilmente uno dei primi produttori ad aver utilizzato la tecnologia di stampa a pellet. Ha sviluppato la serie Pollen AM P, una macchina con 4 estrusori che offre un volume di stampa di Ø 300 x H 300 mm. Può quindi progettare parti con diversi materiali, sia termoplastici standard che elastomeri. La sua risoluzione è di 40 micron sull’asse Z e di 5 micron sugli assi X e Y. Infine, con questa stampante 3D, il produttore francese copre una vasta gamma di applicazioni per settori come l’automotive, l’aerospaziale o i beni di consumo.

Crediti foto: Pollen

Epeire 3D T-600

L’azienda francese Epeire 3D ha progettato la stampante a pellet Epeire 3D T-600, che è compatibile con le plastiche comunemente utilizzate nell’industria manifatturiera: ABS, PS, TPE, PC, PA, PPS, ecc. Può anche progettare parti con termoplastiche rigenerate, riciclate e a base biologica. La Epeire 3D T-600 ha un volume di stampa di 500 x 450 x 500 mm e offre una risoluzione di 0,01 mm in X e Y, e 0,002 mm in Z.

Crediti foto: Epeire 3D

Cosine AM1

Il produttore spagnolo Cosine Additive ha sviluppato la stampante 3D a pellet Cosine AM1, una macchina di grandi dimensioni con una camera chiusa e riscaldata. Con i suoi due estrusori, offre due opzioni di produzione: la creazione di pezzi con filamenti (ABS, PLA, PETG, TPU, ecc.) grazie al Filament Feed System; e la produzione di componenti con pellet di plastica grazie al Pellet Feed System, che è 10 volte più veloce e 10 volte più economico della prima opzione. Se si opta per la stampa 3D con pellet, bisogna sapere che il volume di stampa raggiunge i 1.100 x 850 x 620 mm.

Crediti foto: Cosine Additive

re3D di Gigabot X

La linea di stampanti 3D a pellet Gigabot X è opera dei produttori di stampanti portoricani e americani, re3D. L’azienda ha scelto di utilizzare il pellet per andare verso un’economia più circolare utilizzando pellet riciclati. flake or regrind. Le stampanti 3D pellet Gigabot X e Gigabot X XLT sono in grado di stampare con granuli di plastica di 3-5 mm, tra cui PC, PET, PLA e pellet speciali, che si fondono sotto i 270ºC, con ugello a scelta di 0,8, 1,75 o 2,85 mm. L’azienda fa notare che la stampa con i pellet è più economica, più veloce e più versatile della stampa con i filamenti. Il prezzo della Gigabot X parte da 16.950 dollari.

Crediti foto: re3D

Atlas di Titan Robotics

Un’altra macchina ibrida è la Atlas di Titan Robotics, la stampante 3D industriale di punta dell’azienda. È disponibile con estrusione di pellet, estrusione di filamenti o estrusione ibrida di pellet/filamenti e permette una stampa più veloce, costi di materiale ridotti e parti pronte per la produzione finale. Per quanto riguarda l’estrusione di pellet, l’azienda nota che è possibile stampare con materiali ad alte prestazioni tra cui CF-PEI, GF-PEKK e GFPC. Secondo Titan Robotics, la stampa 3D con pellet permette un uso più ampio di materiali, riducendo il costo del materiale di 10 volte rispetto alla stampa 3D con filamenti.

Crediti foto: Titan Robotics

ExAM 510 di AIM3D

Non ancora disponibile sul mercato, la ExAM 510 di AIM3D dovrebbe essere lanciata prima della fine del 2022. Abbiamo voluto includerla perché secondo AIM3D sarà la prima stampante 3D industriale in grado di elaborare pellet convenzionalmente utilizzati per lo stampaggio a iniezione, consentendo così una gamma ancora più ampia di materiali rispetto alle offerte attuali. Questo sarà possibile con l’utilizzo della tecnologia CEM (modellazione di estrusione composita), che combina lo stampaggio a iniezione di metallo con le tecnologie AM: ciò permetterebbe agli utenti di stampare metallo e polimeri. L’azienda nota che la macchina avrà anche tutti i vantaggi di una tipica stampante FDM o FFF, tra cui un alimentatore automatico di materiale che può contenere fino a un litro di materiale per estrusore e può essere riempito durante il processo di stampa. La macchina è anche abbastanza grande con una dimensione di 1831 x 1051 x 745 mm e una camera di 255 x 255 x 255 mm. Maggiori dettagli nel video qui sotto.

EM3-1504-D di Everplast

L’azienda taiwanese Everplast Machiner Co., specialista in estrusori per plastiche, offre anche una stampante 3D a estrusione di pellet. La EM3-1504-D risparmierebbe dal 30% al 70% del tempo di stampa rispetto a una tradizionale stampante 3D a filamento grazie alla velocità di stampa accelerata. Può lavorare con plastiche rigide come PVC, ABS, PC, PA e HDPE, così come plastiche flessibili, come TPU ed EVA, ma anche con compositi come PA+fibre e persino cemento.

Cosa ne pensi della nostra selezione di stampanti 3D pellet? Condividi con noi la tua opinione nei commenti qui sotto o sui nostri canali social Facebook, Twitter, LinkedinYouTube! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter settimanale per ricevere tutte le notizie sulla stampa 3D direttamente nella tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks