menu

Cibo stampato in 3D: il futuro dell’alimentazione?

Pubblicato il 18 Febbraio 2022 da Nunzia A.
stampa 3d alimenti

Tutti ricordiamo il famoso sintetizzatore di cibo in Star Trek, il dispositivo che può trasformare qualsiasi molecola in cibo commestibile. Sembra che ci stiamo avvicinando sempre di più con queste stampanti 3D alimentari che sono in grado di creare piatti da impasti e materiali diversi: la stampa 3D di cibo sta avanzando poco a poco.

E questa volta non siamo nella fantascienza! Basta guardare le soluzioni offerte oggi da diversi produttori: la ChefJet di 3D Systems, la Foodini di Natural Machines, la Chef3D di BeeHex, ecc. Sono macchine che possono creare cioccolato, piatti diversi, pasta, zucchero: le possibilità sono infinite.

impression 3D alimentaire

Un omaggio alla Reggia di Versailles stampato in 3D dallo zucchero

Tuttavia, i primi risultati della stampa 3D di cibo non erano spettacolari; i pezzi risultanti erano fatti di pasta di zucchero e spesso lasciavano molto a desiderare. Ma man mano che la tecnologia si è evoluta, utilizzando principalmente la deposizione per fusione, il processo è stato perfezionato, permettendo la creazione di cioccolatini, dolci e persino un vero e proprio pasto. Uno dei vantaggi chiave è senza dubbio la libertà di progettazione: le stampanti 3D sono in grado di progettare forme molto complesse, quasi impossibili da ottenere con metodi convenzionali. Inizialmente, la maggior parte delle macchine utilizzate erano stampanti 3D FDM desktop modificate; ora ci sono stampanti 3D per il cibo, specializzate nella produzione di piatti gustosi e sofisticati. Ma qual è il futuro della stampa 3D del cibo? Può rivoluzionare il nostro modo di mangiare?

Gli inizi della stampa 3D di cibo nello spazio

Nel 2006, la NASA ha iniziato la sua ricerca sulla stampa alimentare 3D, iniziando a pensare alla tecnologia. Attraverso vari progetti, stava testando la stampa 3D di cibo per gli astronauti. Nel 2013, la NASA ha lanciato il suo Advanced Food Program con un obiettivo in mente: come si può nutrire meglio una squadra di astronauti in missioni più lunghe? In collaborazione con BeeHex, ha sviluppato lo Chef3D, che può stampare in 3D una pizza. Tutto quello che dovete fare è metterlo nel forno.

impression 3D alimentaire

La NASA ha stampato una pizza in 3D

Più in generale, la stampa 3D di prodotti alimentari nello spazio renderebbe la vita degli astronauti più piacevole e quindi più attraente nelle missioni più lunghe. Bisogna anche dire che le opzioni disponibili oggi sono piuttosto mediocri e poco appetitose per gli astronauti. E se ora ci avviciniamo alla Terra, ci sono alcune iniziative che si stanno sviluppando; alcune aziende hanno riconosciuto il potenziale significativo delle tecnologie 3D nel settore alimentare, sia per creare zucchero, cioccolato, pasta o piatti vegetariani.

Perché rivolgersi alla stampa 3D di prodotti alimentari?

Ora è possibile fare acquisti online e trovare una grande varietà di prodotti nei negozi, quindi perché spendere energia e tempo per questa nuova tecnologia?

Attualmente c’è molta pressione sul cibo, con nuove tendenze che stanno emergendo negli ultimi anni. Molti tendono a rifiutare la tecnologia quando si tratta di cibo. Parlando con Lynette Kucsma, CEO e co-fondatrice di Natural Machines, ha spiegato che anche lei all’inizio era resistente quando le persone le parlavano di stampanti 3D per alimenti. Sentiva che stava mangiando cibo processato. Ma scavando più a fondo, si è resa conto che lo scopo era ben diverso: “Se mangi qualcosa in un supermercato o in un negozio di alimentari, è la stessa cosa. Il cibo viene anche alimentato in una macchina e messo in uno stampo. Con la stampante 3D, invece, si può scegliere il cibo che si usa“.

impression 3D alimentaire

La stampante 3D Foodini di Natural Machines

Il co-fondatore di Natural Machines sottolinea anche la natura innovativa della stampa 3D degli alimenti: si possono creare nuovi sapori e forme, che possono avere un impatto sulla salute del consumatore finale. Questo punto è condiviso da Jonathan Blutinger, un ricercatore del Creatives Machines Lab, che spiega che una stampante 3D alimentare è paragonabile a una classica stampante FDM 3D – ora è in grado di fare parti di notevole complessità geometrica, e così è la macchina alimentare. Il risultato sono piatti molto originali che conservano il loro sapore originale.

Le opportunità della stampa 3D alimentare per la salute

Le diete hanno un impatto significativo sulla salute umana. La società odierna presta molta attenzione alle diete – molte pubblicità mostrano la necessità di mangiare 5 frutti e verdure al giorno, di limitare il consumo di zuccheri e cibi grassi. Eppure il fast food continua ad aumentare e i bambini continuano a lottare con i broccoli. La mentalità sta cambiando gradualmente, ma sappiamo che cambiare le abitudini alimentari richiede tempo. Lynette Kucsma è convinta che una stampante alimentare 3D possa accelerare questo cambiamento: “La gente farà più attenzione a ciò che mangia”, spiega. Inoltre, saranno in grado di creare forme più appetitose e talvolta giocose”. Per esempio, con il Foodini, si possono fare piccoli dinosauri di spinaci, un modo più attraente per i bambini di mangiare queste verdure non necessariamente popolari.

impression 3D alimentaire

Le stampanti 3D per alimenti potrebbero anche essere un buon modo per personalizzare i piatti e adattarsi alle diete molto specifiche che sono apparse negli ultimi anni. Pensiamo all’intolleranza al glutine, al lattosio e al movimento vegano. La stampa 3D sarebbe un nuovo modo di cucinare piatti che rispettano le specificità di ogni persona. Le macchine potrebbero anche essere collegate a sensori per monitorare il numero di calorie o il livello di zuccheri, grassi o proteine.

Le stampanti 3D per alimenti non si limitano alle cucine; negli ospedali, c’è una crescente necessità di personalizzare i menu per ogni paziente e consentire un migliore recupero. Per esempio, Biozoon è un progetto di stampa 3D di cibo che presenta piatti sotto forma di una mousse cremosa per tutte le persone anziane che hanno difficoltà a masticare. Questi conterrebbero tutti i nutrienti necessari per mantenere la loro condizione fisica. Un progetto che ha senso in molte istituzioni sanitarie.

impression 3D alimentaire

Piatti stampati in 3D da Biozoon

Una riduzione dei rifiuti alimentari

Per definizione, la stampa 3D aggiunge materiale, permettendo così una riduzione significativa del materiale. Le tecnologie 3D sono note per avere un impatto positivo sull’ambiente e offrono interessanti iniziative di economia circolare. Non è così diverso per il settore alimentare; la stampa 3D è compatibile con più materie prime. Per esempio, usare gli insetti come fonte di proteine sarebbe molto più facile. Questa è l’idea alla base del progetto della designer Susana Soares “Insects au Gratin”. Vuole ridurre il consumo di carne e approfittare degli insetti, che attualmente non sono consumati nel mondo occidentale, anche se rappresentano una risorsa certa. Producono meno metano e non hanno bisogno di tanta acqua. Con la stampa 3D del cibo, potrebbero essere trasformati in forme più attraenti e appetitose e serviti nei nostri piatti. Susana aggiunge: “L’influenza dell’estetica sulle scelte alimentari è ben nota e ben fondata. L’aspetto del cibo influenza l’accettazione e l’esperienza del gusto. Migliorando questa estetica, possiamo utilizzare risorse che non sono ancora state toccate”.

impression 3D alimentaire

Susanna che mangia un biscotto di insetti

Queste risorse includono anche il cibo scartato, che non è abbastanza bello da vendere ma è ancora buono. Natural Machines ha deciso di affrontare questo problema e sta lavorando con cibo “brutto” ma gustoso. L’azienda lo usa come materia prima per la sua stampante 3D per alimenti e crea piatti che sono esteticamente più gradevoli e quindi più appetibili per il consumatore finale.

Il futuro della stampa 3D del cibo

Ci sono ancora alcune limitazioni a questo nuovo metodo. Anche se l’estrusione del cibo sta diventando più fluida, è ancora necessario passare attraverso una fase di cottura dopo la stampa. Questa è una sfida affrontata dai produttori di macchine che cercano di sviluppare una soluzione più completa. Jonathan del Creative Machines Lab sta lavorando sui laser per cuocere il cibo durante la stampa. Il suo obiettivo principale è la luce blu e i laser infrarossi. Mentre il laser a luce blu provoca una cottura continua, il laser a infrarossi rosola la superficie; combinando i due si otterrebbe un risultato perfetto. Tuttavia, il software sottostante richiede un alto grado di controllo e precisione per monitorare la velocità e la temperatura di ogni laser. Conclude: “L’obiettivo finale è quello di combinare questa tecnologia in modo coerente su una macchina che possa estrudere e cuocere il cibo a proprio piacimento e secondo le proprie esigenze”.

stampa 3d cibo

Crediti foto: Creative Machines Lab

La tecnologia non è ancora pronta per apparire in ogni cucina domani, e i consumatori non sono pronti per un tale cambiamento. Ma è solo una questione di tempo. Qualsiasi progetto che implica un cambiamento di comportamento, specialmente nel cibo, richiede molto tempo per essere accettato e implementato”, dice Susana. Ma l’obiettivo non è che tutto il nostro cibo venga dalla stampante 3D. Alla fine della giornata, è un utensile da cucina che puoi usare per provare qualcosa di nuovo e risparmiare tempo”. Per inciso, a ben guardare, lo stesso problema era sorto con il microonde e oggi la maggior parte delle cucine ne ha uno.

stampa 3d cibo

Cosa pensi della stampa 3D del cibo? Condividi con noi la tua opinione nei commenti qui sotto o sui nostri canali social FacebookTwitter, Linkedin e YouTube! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter settimanale per ricevere tutte le notizie sulla stampa 3D direttamente nella tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks