menu

I mobili più originali stampati in 3D

Pubblicato il 9 Settembre 2022 da Nunzia A.
mobili 3d

La stampa 3D sta guadagnando terreno nel settore industriale, ma è anche presente negli spazi aperti, nei parchi e nelle strade. I mobili stampati in 3D, per esempio stanno diventando sempre più diffusi. Sedie, tavoli, sgabelli e divani… Designer e produttori utilizzano le tecnologie di stampa 3D per aumentare la complessità e offrire mobili personalizzabili. Alcuni possono anche essere stampati direttamente a casa. Scopri la nostra classifica dei progetti più interessanti di mobili stampati in 3D, magari ti sarà di ispirazione per l’arredamento della tua casa!

I mobili stampati in 3D di Drawn

Drawn è una società francese che ha sviluppato la sua stampante XXL 3D chiamata Galatéa per creare mobili e decorazioni personalizzate. Dopo una campagna Kickstarter di successo nel 2015, ha iniziato a produrre sgabelli, tavoli, sedie in plastica e oggetti decorativi più piccoli come i vasi. Gli utenti possono scegliere il colore e la forma dei loro mobili e assistere alla stampa 3D dei loro mobili, se desiderano.

Crediti: Drawn

Il progetto “Print Your City”

Se cammini per le strade di Amsterdam o lungo la costa a Salonicco, in Grecia, vedrai molti oggetti dell’arredo urbano stampati in 3D, comprese le panchine. Il materiale utilizzato è la plastica proveniente dai rifiuti degli abitanti della città. Questi rifiuti sono stati riciclati e trasformati in filamento per la stampa 3D. Il progetto “Print your city” dimostra chiaramente che le tecnologie 3D hanno un ruolo chiave nella salvaguardia dell’ambiente e possono creare valore in tutti i settori di attività.

Crediti: The New Raw

Nagami Design: il progetto Ganic

Lo studio di design spagnolo Nagami è noto per le sue originali creazioni di mobili stampati in 3D. Qualche anno fa ha presentato un bagno portatile o la sua collezione di sedie all’avanguardia disegnate da Zaha Hadid. In questi progetti di arredamento, la produzione additiva è stata un elemento chiave. Come ci ha detto il team Nagami in un’intervista: “Il tipo di geometria che il nostro marchio promuove sarebbe poco praticabile se usassimo tecnologie più tradizionali. La produzione additiva consente libertà di forma che sarebbero irraggiungibili con altri metodi. Ancora oggi, lo studio continua a sviluppare diversi progetti di design, come quello a sinistra dell’immagine. Il cosiddetto Ganic è una scultura iperartistica alta quasi 4 metri che ha richiesto 48 ore di stampa ed è stata installata presso il C Future Lab di Shenzhen, in Cina.

nagami

La collezione RIO

Gli studi Integrate e Morgan hanno lavorato insieme per creare RIO, una collezione di sedie e tavoli che presentano elementi stampati in 3D. Ad esempio, lo schienale della sedia è stato stampato in 3D in 24 ore con una resina liquida e con l’aiuto di un algoritmo matematico. Il risultato è un mobile che combina artigianato e nuove tecnologie, impossibile da realizzare altrimenti. Lo stesso principio si applica ai tavoli, dove parte della base è stata stampata in 3D.

Crediti: Morgan Furniture

Panchine stampate in 3D da XtreeE

La startup francese XtreeE sviluppa una tecnologia avanzata di stampa 3D su larga scala per la progettazione architettonica, l’ingegneria e il settore delle costruzioni. La startup è anche specializzata nella stampa 3D del calcestruzzo. Tra i tanti progetti, in realtà ha gestito dal 2017-2018 il progetto di panchine in cemento intrecciato: hanno creato una serie di tre panchine collaborando con Studio 7.5, uno studio di design di Berlino. Si tratta di un motivo intrecciato molto complesso da ottenere con uno stampo classico.

Crediti: XtreeE

La sedia puzzle di BITS&PARTS

Questa sedia puzzle di BITS&PARTS può essere scaricata online gratuitamente e stampata a casa, oppure è possibile utilizzare un servizio di stampa 3D per averla. Puoi scegliere tra la “Kids Maker Chair 19”, la “Maker Puzzle Chair” e la “Kids Maker Chair 39”. Quest’ultima, per esempio, ha 39 pezzi di puzzle, ognuno dei quali pesa circa 170 grammi. Secondo BITS&PARTS, sono necessari 3,5 kg di filamento per ogni colore e il materiale dovrebbe essere ABS da 2,85 mm. 

sedia stampata in 3d

Crediti: BITS&PARTS

Il tavolo dello studio ALEKSA

Questo tavolo è stato progettato dallo studio ALEKSA di Londra. Le gambe del tavolo sono state prodotte da 3D Print UK usando una stampante SLS. La struttura molto efficiente delle gambe permette di sostenere il piano in legno di noce nonostante il loro peso minimo. L’uso delle tecnologie di stampa 3D permette a designer e produttori di produrre diverse varianti e dimensioni del tavolo su richiesta.

mobili stampati in 3d

Crediti: ALEKSA studio

La collaborazione tra Steelcase e MIT

La collaborazione tra il Self-Assembly Lab del MIT, il designer Christopher Guberan e il marchio di mobili Steelcase ha portato allo sviluppo del Rapid Liquid Printing, un nuovo metodo di stampa 3D che utilizza un gel per creare la struttura desiderata. Hanno progettato un piano d’appoggio in una struttura reticolare in tempo record: ci sono voluti solo 28 minuti per realizzarlo!

mobili stampati in 3d

Crediti: Steelcase

Lampade stampate in 3D

Pierre-Yves Jacques è il creatore dello studio di design francese LPJacques, specializzato da diversi anni nell’uso delle tecnologie di produzione additiva. Qualche mese fa ha presentato il suo progetto Di-Lamp, lampade che possono essere completamente personalizzate dagli utenti grazie alla stampa 3D. Puoi scegliere il tipo di design e il colore della lampada ideale per il tuo soggiorno. 

lampada stampata in 3d

Crediti: LPJacques

I mobili di Philipp Aduatz

Philipp Aduatz è un designer austriaco che ha iniziato nel 2005 a produrre piccoli modelli di mobili stampati in 3D. Nel 2018 ha deciso di produrre oggetti 1:1 su larga scala. L’anno scorso ha presentato un’edizione limitata di mobili realizzati grazie alla produzione additiva in cemento. Ma non il colore del cemento a cui tutti pensiamo, bensì il cemento colorato. Per ottenere questo risultato, durante il processo di stampa sono state iniettate nell’ugello delle paste colorate. Per la produzione di questa edizione, ha affidato all’azienda incremental3d l’uso di un robot industriale a 6 assi, con una larghezza dell’ugello da 10 a 40 mm, un’altezza da 5 a 10 mm e un acceleratore che consente la produzione di grandi geometrie in un breve periodo di tempo.

Lo sgabello realizzato in calcestruzzo stampato in 3D (Crediti immagine: Philip Audatz)

Slicelab e il suo tavolo in cemento

Slicelab è uno studio di design multidisciplinare che sperimenta nuovi modi di progettare. Specializzata nella produzione digitale, l’azienda offre servizi di progettazione architettonica, di prodotti e di mobili e mette la propria esperienza a disposizione di altre aziende attraverso servizi di consulenza sulla produzione. L’anno scorso ha presentato il Delicate Density Table, un tavolo costruito con uno stampo in calcestruzzo stampato in 3D: un pezzo da 152,5 cm x 45,5 cm x 38 cm, del peso di 86 kg. L’obiettivo iniziale di questa creazione era quello di costruire un mobile delicato ma che allo stesso tempo resistente. Potete vedere il risultato finale nel video qui sotto.

R3direct e le panchine ecologiche in Italia

Se vi trovate a Lucca, assicuratevi di fermarvi a vedere e provare le panchine stampate in 3D installate nel centro della città durante la vostra passeggiata. Si tratta di panchine ecologiche realizzate dall’azienda italiana R3direct con cartoni Tetra Pak usati e riciclati. Chiamata USE (Urban Safety Everyday), R3direct ha utilizzato 3.300 Tretra Paks per realizzare le panchine. Un QR sul posto mostra esattamente la provenienza dei rifiuti utilizzati.

(Crediti: R3direct)

Il laboratorio Joris Laarman

Non è detto che a prima vista si capisca il messaggio nei capolavori di Joris Laarman Lab, ma si può dire con certezza che si tratta di mobili. Secondo i suoi creatori, i mobili dall’aspetto piuttosto futuristico dello studio olandese sono destinati a sembrare magici, anche grazie all’uso della produzione additiva. In questo caso, lo studio utilizza una saldatrice collegata a un robot, che poi la stampa in 3D. Per la sua “Arm Chair” prodotta nel 2007, Joris Laarman Lab ha utilizzato come materiale la polvere di marmo bianco di Carrara in combinazione con la resina per colata. Il materiale è stato poi versato in uno stampo prodotto in 3D con 91 pezzi.

La Arm Chair ha ispirato l’azienda a creare nuovi design grazie alla stampa 3D (Crediti: Joris Laarman Lab).

I mobili di Cohda

Cohda ha ideato una mostra pubblica interattiva per dare ai visitatori l’opportunità di realizzare i propri mobili contemporanei stampati in 3D. Chiunque può creare e produrre facilmente i propri disegni, senza particolari competenze. Una volta completata la progettazione, il modello 3D finale generato dal computer viene visualizzato sullo schermo e il file 3D viene memorizzato sul server Cohda. Una password viene stampata sulla console interattiva per individuare il file, in modo che il creatore possa scaricarlo in un secondo momento. Una volta scaricati, i dati possono essere stampati in 3D con diverse tecnologie, la più utilizzata è la tecnologia SLS.

Peter Donders

Il lavoro del designer Peter Donders è un buon esempio di come l’artigianato tradizionale e i metodi di produzione additiva possano essere combinati e armonizzati. Il designer lo descrive come “un lavoro d’amore”.

La sedia “Shelly” è stata realizzata con uno stampo creato con la produzione additiva. In alcuni punti è ancora visibile la stampa 3D originale. La sedia è stata prodotta in un’edizione limitata di 12 pezzi ed è rifinita con una lacca trasparente.

Quale di questi mobili stampati in 3D preferisci? Condividi la tua opinione nei commenti dell’articolo o sulle nostre pagine Facebook e Twitter! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter settimanale gratuita per ricevere tutte le ultime notizie sulla stampa 3D direttamente nella tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks