menu

Gli espositori italiani a Formnext 2023

Pubblicato il 7 Novembre 2023 da Nunzia A.
formnext

Formnext apre i battenti oggi! Il principale evento sulla produzione additiva al mondo si terrà dal 7 al 10 novembre. I principali attori del mercato sono già presenti alla fiera e non vedono l’ora di trarre il massimo anche dall’edizione di quest’anno, che si preannuncia una delle più ricche. Anche quest’anno l’Italia sarà ben rappresentata a Formnext 2023. Dopo l’anno scorso, dove erano presenti 33 espositori quest’anno la tendenza si conferma con ben 34 espositori italiani. Produttori di stampanti 3D, materiali, software, soluzioni di post-processing… gran parte della catena del valore sarà rappresentata alla fiera.

Ma quali sono le novità dell’edizione che è appena iniziata? Quali sono i settori e mercati di riferimento delle aziende italiane che parteciperanno a Formnext 2023? Cosa si aspettano gli espositori italiani da Formnext 2023? Abbiamo approfondito il tema in questo articolo dedicato al mercato italiano a Formnext, raccogliendo, come ogni anno, i commenti a caldo di alcuni degli espositori presenti!

espositori italiani Formnext

Tra gli espositori italiani di quest’anno ci saranno diversi specialisti della stampa 3D in metallo (foto: Mesago/Mathias Kutt).

Il mercato italiano della produzione additiva cresce: i nuovi attori presenti all’evento di quest’anno

Quest’anno, secondo il sito web della fiera, su un totale di 885 espositori quelli italiani saranno 34 (rispetto ai 33 dell’anno scorso), il che conferma la posizione stabile e tendente alla crescita del settore in Italia. Se il numero infatti può sembrare  esiguo, in realtà non lo è: l’Italia è uno dei Paesi europei più rappresentati in fiera. Considerando che la Germania da sola rappresenta il 42% delle aziende espositrici e che gli espositori provengono da 33 Paesi diversi, si possono leggere i dati con la giusta prospettiva. Un dato che non sorprende alla luce del recente studio EPO che ha messo in evidenza il ruolo dell’Italia, seconda in Europa per numero di sistemi di stampa 3D industriale installati (preceduta solo dalla Germania).

Difatti, gli espositori italiani di maggior numero e rilevanza nazionale e internazionale sono proprio i produttori di hardware e stampanti 3D. Tra questi confermano ancora una volta la loro presenza all’evento WASP, Roboze, Caracol, 3ntr, Sisma, DWS, Sharebot, Prima Additive, REV3RD e i gruppi  CMS e Breton. Non mancano i produttori di materiali con aziende note, ma anche qualche novità: saranno presenti gli specialisti in materiali Legor, Progold, Pometon, CRP Technology, Mimete, Alpaplastic e Xenia. In crescita quest’anno anche le aziende produttrici di software e soprattutto di sistemi di post-processing, tra queste ultime saranno presenti, ad esempio,  le aziende C.M. Surface Treatment e Depureco Industrial Vacuums.

A Formnext 2023 ci saranno anche innovazioni e novità assolute. Quest’anno per la prima volta parteciperanno alla fiera le aziende D3-AM, spin-off del Gruppo Durst, che presenterà la sua innovativa tecnologia di stampa 3D in ceramica Micro Particle Jetting (MPJ) e l’azienda MadeInAdd. Nata da un progetto congiunto tra il Fondo Boost Innovation, MIMETE e PUNCH Torino, MadeInAdd si propone l’ambizioso obiettivo di colmare il gap italiano nei confronti dell’additive manufacturing, offrendo assistenza e servizi lungo tutto il processo di adozione della tecnologia.

espositori italiani Formnext

Crediti foto: MadeInAdd

L’azienda parteciperà anche ad uno speech nel Technology Hall di Formnext e, come ci racconta Gerardo Di Filippo, CEO di MadeInAdd, Formnext 2023 sarà per l’azienda un evento decisivo per farsi conoscere a livello nazionale e internazionale e, circa le novità che presenteranno in fiera, aggiunge: “Abbiamo reso possibile una live experience al nostro stand che permetterà di provare nuove feature e mostrare in modo concreto come intendiamo abbattere le barriere all’adozione dell’AM: dall’advisory, al design, alla stampa, alle lavorazioni meccaniche di post processo e i controlli di qualità.

Metalli, pellet e sistemi industriali in testa a Formnext 2023

Gli attori dell’AM in Italia aumentano dunque e con essi la diversificazione dell’offerta, ma per ora sembrano esserci dei principali centri di interesse: i metalli, la stampa 3D industriale e l’uso del pellet come materiale di stampa. Ciò rende i settori automotive, aerospace, oil & gas, ma anche moda e gioielleria quelli di maggior interesse. Abbiamo chiesto ad alcuni degli espositori italiani cosa si aspettano dall’evento e anche loro confermano queste tendenze.

Ad esempio, Caracol, azienda italiana specializzata in LFAM (Large Format Additive Manufacturing), presenterà quest’anno dei miglioramenti del suo sistema hardware Heron AM, ma anche ottimizzazioni su software, automazione e robotica. Come avevamo visto lo scorso anno, la stampa 3D industriale e di grandi dimensioni non solo continua ad avere successo, ma è in rapida crescita: A Formnext – commenta Violetta Nespolo, CMO di Caracol “ci aspettiamo di vedere come il settore del LFAM sia in forte crescita. Già l’anno scorso abbiamo visto un’espansione di aziende con soluzioni di stampanti 3D con bounding box più grandi, o soluzioni robotiche. Questo sta avvenendo grazie ad end-user che capiscono sempre più i benefici applicativi di queste tecnologie, e dall’altro grazie a OEM che capiscono che la tecnologia pellet extrusion è fondamentale per produzioni veloci, efficienti e sostenibili.

Restando tra le novità in ambito stampa 3D ad estrusione di pellet e industriale, WASP presenterà il nuovo sistema CEREBRO che permette di trasformare i bracci robotici in una stampante 3D; mentre Roboze presenterà la nuova tecnologia Hypermelt per la produzione additiva di polimeri ad alte prestazioni, basata sull’utilizzo di pellet come materia prima.

espositori italiani Formnext

WASP presenterà a Formnext 2023 anche METAMORFOSI: il nuovo sistema di estrusione di pellet in attesa di brevetto che può controllare e modificare la posizione, la quantità e le proprietà del materiale in diversi punti del processo di stampa. (Crediti foto: WASP)

Automazione, semplicità d’uso e flessibilità sembrano dunque le parole d’ordine verso cui gli espositori italiani stanno andando, con un occhio attento anche alla sostenibilità. “La manifattura additiva” – spiega Davide Ardizzoia, CEO dell’azienda 3ntr – “viene impiegata sempre più spesso nei processi produttivi, non solo per abbattere tempi e costi ma soprattutto per ottimizzare il consumo e garantire prodotti sempre più rispettosi dell’ambiente. Per questo abbiamo scelto di partecipare, portando con noi le nostre migliori tecnologie storiche accompagnate da interessanti novità: stampanti 3D in grado di sostenere tutte le fasi del ciclo produttivo, dalla prototipazione all’ingegnerizzazione, dal pre-assemblaggio fino alla produzione del pezzo operativo finale”.

Se guardiamo ai metalli, oltre ai produttori di stampanti 3D come l’ormai affermata Prima Additive, acquistano sempre maggior rilievo internazionale anche i produttori di polveri metalliche. Tra questi, Progold mostrerà all’evento alcune delle applicazioni realizzate in collaborazione con l’azienda XJet per il settore dei beni di lusso e Legor che ha instaurato una partnership con HP,  puntando sul Binder Metal Jet.

formnext

Applicazioni realizzate da Legor con la stampa 3D in metallo HP Metal Jet. (Crediti foto: 3Dnatives)

Per Fabio Di Falco, Marketing Manager di Legor “la tecnologia Binder Metal Jet, sta rivoluzionando il modo in cui produciamo oggetti. Questo approccio introduce rapidità, flessibilità e agilità nel processo di produzione, consentendo inoltre la realizzazione di forme e prodotti che sarebbero altrimenti impossibili da realizzare. A Formnext” – aggiunge – “speriamo di ispirare i visitatori a considerare nuovi approcci e soluzioni per le sfide della produzione moderna”.

In conclusione, è chiaro che gli espositori italiani non passeranno inosservati al Formnext di quest’anno! Se questa era solo un’anticipazione di ciò che ci aspetta, non vediamo l’ora di vedere da vicino tutte le novità dal fronte italiano (e non solo) e portarle ai nostri lettori! Per restare aggiornati sui contenuti esclusivi dall’evento, seguiteci sulla nostra pagina dedicata a Formnext 2023!

E tu sarai a Formnext? Cosa ne pensi degli espositori italiani che saranno a Formnext 2023? Faccelo sapere lasciando un commento sui nostri canali social Facebook, LinkedinYouTube! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le notizie dall’evento direttamente nella tua casella di posta!

Crediti foto di copertina: Mesago

Lascia un commento

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks