menu

AMT parla delle tendenze e delle sfide della post-elaborazione nella stampa 3D

Pubblicato il 16 Marzo 2022 da Mélanie W.
AMT

Grazie ai recenti progressi tecnologici ottenuti per i materiali e i processi produttivi, l’industria della produzione additiva sta continuando a crescere significativamente sotto ogni punto di vista. Infatti, alcuni studi dimostrano che la stampa 3D sta attualmente riscuotendo un successo via via sempre maggiore, venendo incorporata e consolidata da diversi settori applicativi. In questo contesto molte aziende si stanno impegnando a sviluppare nuove e innovative tecnologie di post-elaborazione del processo produttiva, questa, che sta diventando sempre più importante. Una di loro è AMT PostPro, azienda che è stata fondata nel 2017 e che è specializzata in sistemi di post-elaborazione per componenti stampati in 3D. Il principale obiettivo della ditta è quello d’incentivare l’adozione di questa tecnologia, non solo per migliorare le prestazioni applicative, ma anche per rendere scalabile la produzione industriale. Per ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia brevettata dalla ditta e sul suo punto di vista circa lo stato attuale del settore industriale della produzione additiva, abbiamo parlato con il fondatore e CEO di AMT PostPro.

3DN: Potresti presentarti e dirci come ti è venuta l’idea di creare AMT?

Joseph Crabtree

Mi chiamo Joseph Crabtree e sono il CEO e fondatore di AMT. La scienza dei materiali è la mia professione, che sembra sia tra l’altro curiosamente e comunemente condivisa fra i top manager delle aziende di stampa 3D attuali. Prima di fondare AMT ho lavorato nel mondo della produzione tradizionale, come lo stampaggio a iniezione, la lavorazione CNC, la forgiatura, ecc. Quando ho iniziato l’attività con AMT nel 2017, stavo cercando di capire come la stampa 3D potesse essere applicata ai metodi convenzionali. Abbiamo capito subito che davanti a noi c’era l’opportunità di trasformare la stampa 3D in una tecnologia produttiva praticabile, bisognava solo capire come farlo. In quel periodo il vero il fulcro del settore era rappresentato dal fatto che molte aziende si stavano focalizzando sulle stampanti, e sull’aumentare sempre di più il numero di materiali compatibili. Tuttavia, c’era una questione di cui nessuno parlava: la fase successiva al processo di stampa. Ci sembrava, a me e al team AMT, che ciò rappresentasse l’opportunità da cogliere per creare un’azienda che andasse in quella direzione e che cercasse di fornire una soluzione al problema che ho appena citato.

3DN: Quali metodi e materiali di stampa 3D sono compatibili con le vostre soluzioni?

In genere ci concentriamo sui polimeri termoplastici, in particolare sui materiali plastici progettati per i processi a letto di polvere. Questa tecnologia è quella che si sta davvero industrializzando attualmente. Le aziende che cercano di produrre grandi quantità industriali usando la produzione additiva si stanno rivolgendo ai polimeri termoplastici e alle tecnologie a letto di polvere. Attualmente questi materiali sono il nostro obiettivo principale, ma abbiamo anche brevetti e diritti di proprietà intellettuali su metalli e polimeri termoindurenti. Forse presto anche tali materiali si svilupperanno fornendo nuove opportunità. Detto ciò, la nostra mission si focalizza sulla post-elaborazione di tutti i componenti stampati in 3D.

3DN: A quale tipo di utente è rivolta la tecnologia di levigatura a vapore? E quella della rimozione della polvere?

Lavoriamo con una vasta gamma di clienti che hanno varie dimensioni e che provengono da diversi settori e aree geografiche. Da piccoli uffici di servizi a grandi multinazionali di prim’ordine. Il nostro portfolio di prodotti e tecnologie ci permette di adattarci a qualsiasi tipo di esigenza.

Crediti foto: AMT

Per rimuovere la polvere e rifinire le superfici sono necessarie alcune fasi obbligatorie. Ogni processo richiede una successiva pulizia dei componenti, che precede il nostro processo principale, cioè il processo di levigatura a vapore chimico: PostPro SF per la finitura delle superfici. Si comincia con la levigatura a vapore chimico, che trasforma i modelli stampati direttamente dalla stampante in componenti che hanno l’aspetto, il tatto e le prestazioni di un elemento ottenuto mediante stampaggio a iniezione. Grazie al successo di questa tecnologia, ci siamo resi conto che anche prima della levigatura era necessaria una pulizia profonda, ma non esistevano soluzioni adeguate. Ecco perché AMT ha sviluppato le sue proprie soluzioni di post-elaborazione. Ci auguriamo che in futuro ci focalizzeremo sulla produzione additiva ad alto volume.

3DN: Stiamo assistendo a una chiara evoluzione che tende sempre più verso l’automazione. Come sta lavorando AMT per affrontare tale aspetto nei suoi processi?

Da sempre crediamo che l’unico modo per rendere praticabile la stampa 3D e la produzione additiva sia ridurre la necessità di manodopera eliminando tutte le fasi manuali. E ciò non si riferisce solo alla post-elaborazione, ma anche alla produzione dei materiali, alla stampa e alla combinazione dell’intero processo. Ecco perché abbiamo creato un Sistema di Produzione Digitale (DMS), cioè un flusso di lavoro end-to-end. Anche se vendiamo la nostra tecnologia in formato modulo singolo, il nostro obiettivo è l’automazione completa di questo flusso di lavoro end-to-end. Le aziende negli Stati Uniti, in Europa e in Asia lo stanno già usando. Se poi diamo uno sguardo alla produzione tradizionale, non sorprende il fatto che il flusso di lavoro sia completamente automatizzato dall’inizio alla fine. Anche la stampa 3D sta seguendo lo stesso percorso.

3DN: Quali sono le sfide da superare nella post-elaborazione che riguarda la stampa 3D?

Una delle sfide più grandi rimane la formazione. Cinque anni fa, quando AMT ha iniziato la propria attività, nessuno sapeva cosa fosse la post-elaborazione. Oggi questa pratica è diventata un argomento di discussione ed è sulla bocca di tutti, il che è fantastico. Certo, molti vedono ancora la stampa 3D come una tecnologia semplicissima, una modalità produttiva che richiede solo d’inserire del materiale in una stampante. Pertanto è necessario educare il mercato e la popolazione in generale a conoscere e capire questa tecnica produttiva.

AMT

Crediti foto: AMT

Una delle sfide maggiori del nostro settore è quella di incorporare hardware, software, materiali o processi in un unico sistema senza soluzione di continuità. In qualsiasi altro settore capita poco che si comprino cinque differenti prodotti da aziende diverse e si tenti di combinarli tra loro. Inoltre, è necessario fare affidamento a tantissimi requisiti diversi per guidare in modo corretto l’adozione di questa tecnologia, anche in mercati esigenti come quello aerospaziale, medico, ecc. In questi ambiti esiste già una quantità significativa d’informazioni che riguardano la produzione e la certificazione dei materiali. Quando si tratta di post-elaborazione, però, siamo in un buco nero. Ecco perché ci impegniamo molto con ASTM, ad esempio, per aiutare a stabilire delle norme che consentano di ottenere delle specifiche ben definite anche per questa tipologia di processi.

3DN: Potresti anticiparci le prossime uscite di AMT?

Come ho detto prima stiamo lavorando soprattutto sul concept di un sistema automatizzato end-to-end. Ma quest’anno lavoreremo a due grandi progetti. Innanzitutto con un’azienda statunitense chiamata Custom Color, che ha sviluppato un nuovo prodotto basato su figure personalizzate ad alto volume. Svilupperemo e predisporremo delle linee produttive end-to-end. Si tratta di decine di stampanti 3D industriali, e stiamo automatizzando l’intero flusso di lavoro end-to-end: dalla produzione all’imballaggio, senza dimenticare la consegna del prodotto finito al cliente.

C’è poi un altro grande progetto su cui stiamo lavorando che è strettamente legato al settore automobilistico. Si tratta di un sistema AMT completo che include tutto il decapaggio e la pulizia dei pezzi, compresa la rimozione della polvere, la levigatura a vapore chimico, la colorazione, la cernita e il controllo. Un sistema che consegneremo ai nostri clienti del settore automobilistico entro la fine del 2022, e che è il fruttuoso risultato di sei anni di R&S.

Crediti foto: AMT

3DN: Vuoi aggiungere qualcos’altro?

A mio avviso, nei prossimi anni la stampa 3D dovrebbe concentrarsi sull’aspetto produttivo. Quando arriveremo al punto in cui la stampa 3D non sarà più una novità, avremo ottenuto un ottimo risultato. E quando raggiungeremo un livello in cui essa verrà combinata e incorporata per essere usata come qualsiasi altra tecnologia produttiva negli stessi tipi di fabbriche che attualmente non la prevedono, allora vorrà dire che avremo fatto il nostro lavoro. Per saperne di più su AMT, clicca QUI.

E tu, cosa ne pensi del punto di vista di AMT sullo stato attuale della post-elaborazione nella stampa 3D? Condividi la tua opinione nei commenti qui sotto o sui nostri canali social FacebookTwitter, Linkedin e YouTube! Non dimenticare di iscriverti alla nostra Newsletter settimanale per ricevere tutte le notizie sulla stampa 3D direttamente nella tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

de_DEen_USes_ESfr_FRit_IT
Resta aggiornato
Ricevi ogni mercoledì un riassunto delle ultime notizie dal mondo della stampa 3D.

3Dnatives is also available in english

switch to

No thanks